Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per alcuni dei nostri servizi.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori Informazioni
Accetto Nego
Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading | spread trading


Petrolio in calo: l'Iraq aumenta le esportazioni
(Pag. 2)



Gabriele Picello Articolo pubblicato il 11/01/2017 08:00:13
La situazione contrasta apertamente con quella di Arabia Saudita, Emirati, Qatar. Oman e Kuwait che, al contrario, si stanno adoperando per conformare il loro output ai livelli richiesti dagli accordi di Vienna.

 

Nel mirino non è solo l’Iraq, ma anche la Libia, nazione che risulta esentata dalla contrazione produttiva e che potrebbe essere in grado di mettere i prezzi sotto pressione tramite un incremento di produzione ed export.

La produzione dell’Iraq ha subito un deciso aumento nel corso del 2016 e la nazione, inizialmente, ha mostrato una certa riluttanza nell’unirsi agli altri paesi nel ridurre l’output: nel dettaglio dapprima Baghdad pretendeva un’esenzione totale a seguito della delicata condizione geopolitica ed in seguito ha contestato con veemenza i criteri adottati dall’OPEC per acquisire i dati.

Attualmente, la contrazione complessiva annunciata dai paesi aderenti all’accordo ammontano al 60% - 70% del totale richiesto al Gruppo ma, come sottolineano alcuni analisti, il comportamento dell’Iraq potrebbe essere una prima falla in un sistema che si muove sul filo del rasoio.

Il mercato si presenta sotto pressione e nemmeno la notizia di una scaramuccia nello stretto di Hormuz tra navi americane ed iraniane è riuscita ad invertire la tendenza dei prezzi.

 

 

 

Lo stretto di Hormuz è fondamentale per il flusso di greggio, in quanto da quest’area passa circa il 20% del totale globale.

 

Fonte dati - Bloomberg - SOMO Iraq


Potrebbero interessarti anche...
Petrolio, OPEC: è il momento della verità
Materie Prime
La Redazione 11/03/2017 10:00:59
Il Gruppo dei Paesi Esportatori ha dato il via ad un’azione ... leggi tutto
Petrolio: con lui sarete al sicuro!
Materie Prime
La Redazione 01/01/2017 09:38:29
Donald Trump è stato eletto a presidente degli Stati Uniti ed ... leggi tutto
Petrolio: come Trump ha bruciato qualche milione di Dollari in Opzioni
Materie Prime
La Redazione 20/01/2017 03:00:43
Spread tra WTI e Brent: Jump and Slump With Trump leggi tutto

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Giancarlo Dall'Aglio, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli