Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per alcuni dei nostri servizi.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori Informazioni
Accetto Nego
Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading | spread trading


BitCoin: cosa sta accadendo, chi compra , e perchè, la Cryptovaluta!
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 07/01/2017 10:00:51
Il BitCoin è per sua stessa natura decentralizzato e non fa quindi parte di nessun sistema specifico; Trump non conta, il Petrolio non conta e nemmeno la Brexit conta: se vi sono problemi all’orizzonte, il Bitcoin non sarà esposto ad essi.

 

Il BitCoin, la più famosa tra le cosiddette Cryptovalute è letteralmente esploso e le quotazioni sono salite ad oltre 1000 dollari per la prima volta dal 2013 ad oggi, con un guadagno di oltre il 150% contro la divisa USA: attualmente le prese di profitto hanno avuto la meglio e la valuta digitale si attesta a quota 916.5 dollari, ma il movimento avvenuto nelle sessioni passate risulta senza ombra di dubbio degno di nota (a seguire grafico aggiornato al 6 gennaio 2017, ore 17.15).

 


 

 

La price action descritta appena sopra mostra una crescente domanda verso quella che può essere considerata a tutti gli effetti un’alternativa al denaro tradizionale.

Attualmente il panorama che si staglia all’orizzonte del BitCoin ci mostra un prodotto che ha ancora dei margini di crescita che definire elevati sarebbe un puro eufemismo: nel periodo attuale si evidenziano poche giornate con transazioni che superano le 300000 unità, ma il numero di attività che accettano l’utilizzo della Cryptovaluta per eccellenza è in aumento.

Tra le nazioni dove l’utilizzo della moneta digitale registra gli aumenti più consistenti troviamo Cina e Venezuela.

Secondo quanto dichiarato da CoinDance e CryptoCompare, gli scambi in BitCoin in Venezuela sono quadruplicati nel corso dell’anno passato, mentre sono raddoppiati in Cina (lo Yuan cinese pesa per il 97% dell’intero volume di attività in BitCoin).

Di fronte ad una condizione di questo tipo viene quindi spontaneo chiedersi a cosa stiamo assistendo e la risposta potrebbe essere che stiamo assistendo a qualcosa di veramente grosso: il rally non è più generato dal desiderio di aggirare eventuali restrizioni locali, ma è un rally guidato da tutta una serie di investitori alla ricerca di un nuovo Haven Asset.

La situazione politica di Stati Uniti ed Europa ci mostra chiaramente che i vecchi modelli economici non sono più affidabili e proprio in questa occasione serve, più che mai, un qualcosa di nuovo per smuovere l’interesse degli operatori: il BitCoin, nonostante la sua storia controversa, rappresenta proprio questo: un bene rifugio diverso, un asset nuovo su cui concentrarsi.

 

A seguire - Decentralizzazione

 



Potrebbero interessarti anche...
NZD JPY: se tocca la neckline è short
Materie Prime
Enrico Gei 31/07/2015 11:00:27
Il punto di ingresso è preciso, il trader è in agguato ... leggi tutto
CAD JPY: in corsa verso il supporto
Materie Prime
Enrico Gei 28/07/2015 11:00:56
Enrico Gei cerca lo short, ma si attende il break del ... leggi tutto
CAD JPY: resistenza perforata a rialzo
Materie Prime
Enrico Gei 09/06/2015 11:00:37
E’ la volta del dollaro canadese contrapposto allo yen: abbastanza chiara ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Giancarlo Dall'Aglio, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli