Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per alcuni dei nostri servizi.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori Informazioni
Accetto Nego
Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading | spread trading


Cacao: si torna negli anni 80. Purtroppo!
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 01/04/2017 12:00:09
I prezzi del Cacao o meglio, il loro crollo, ci riportano negli anni 80 quando qualcosa di simile si era già visto!

 

Il crollo delle quotazioni del Cacao è cosa ormai ben nota ed altrettanto noti sono gli effetti disastrosi che questa debacle ha sull’economia locale di un Top Producer come la Costa d’Avorio, ma non dobbiamo dimenticare come la discesa delle quotazioni della materia prima non sia solamente un elemento di preoccupazione a livello locale, ma bensì rivesta un’importanza significativa nel mercato di settore a livello internazionale.

Come abbiamo visto in un articolo dedicato, il governo della Costa d’Avorio è stato costretto a ridurre sensibilmente il Farmgate Price (ossia il prezzo corrisposto ai coltivatori locali) a seguito dell’ondata di default che ha investito gli esportatori locali che, a suo tempo, puntarono su ulteriori incrementi delle quotazioni del prodotto: la situazione attuale pesa per oltre 300 milioni di dollari sul bilancio del governo.

 

Leggi qui maggiori informazioni sulla riduzione del Farmgate Price

 

Il grafico a seguire (Cacao piazza di Londra) ci mostra un chiaro parallelo con quanto avvenne negli anni ’80: anche allora il Farmgate Price venne sensibilmente ridotto ed anche allora il sistema commerciale della nazione subì un vero e proprio default.  Sempre in quegli anni ’80 che ci sembrano così lontani, le misure prese dal governo sortirono come risultato un Mid Crop di dimensioni contenute.

 

 

 

In questo contesto si muovono le autorità che devono affrontare una situazione interna tutt’altro che facile e dovranno prestare la massima attenzione nel loro operato, in quanto eventuali prese di posizione ritenute eccessive potrebbero tradursi in un inasprimento della tensione sociale (in questo senso ricordiamoci che la riduzione a 700 franchi CFA del Farmgate Price è risultata superiore alle attese dei coltivatori di circa 800 franchi CFA dai precedenti 1100).

 

Continua nella pagina successiva



Potrebbero interessarti anche...
Cacao: cosa ci attende nel 2017
Materie Prime
La Redazione 03/01/2017 18:45:50
Il Cacao si presenta come il vero grande perdente del 2016, ... leggi tutto
Cacao e Natural Gas: cosa ci aspetta secondo Giancarlo Dall'Aglio
Materie Prime
  VIDEO
La Redazione 05/03/2017 10:00:58
Cacao e Natural Gas: in questa intervista un sempre brillante Giancarlo ... leggi tutto
Cacao e pressione ribassista: per quanto ancora?
Materie Prime
Gabriele Picello 25/02/2017 10:00:09
I prezzi del Cacao hanno registrato una repentina e violenta caduta ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli