Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per alcuni dei nostri servizi.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori Informazioni
Accetto Nego
Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading | spread trading


Fed, nessuna sorpresa: tutto come da copione!
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 15/06/2017 08:30:45
La Federal Reserve non ci riserva particolari sorprese ed il meeting di giugno termina con un rialzo dei tassi di interesse ed una tabella di marcia che prevede una ulteriore escursione rialzista entro la fine dell’anno

 

La Federal Reserve non ci riserva particolari sorprese ed il meeting di giugno termina con un rialzo dei tassi di interesse ed una tabella di marcia che prevede una ulteriore escursione rialzista entro la fine dell’anno.

“I rischi a breve termine per l’economia appaiono bilanciati, ma il Comitato sta monitorando attentamente gli sviluppi riguardanti l’inflazione e prevede di iniziare l’attuazione di un programma di normalizzazione del bilancio entro quest’anno a condizione, però, che l’economia si sviluppi secondo gli schemi previsti”: questa la dichiarazione rilasciata dal Federal Open Market Committee (FOMC) la cui tabella di marcia prevede tre ulteriori incrementi dei tassi di interesse nel corso del 2018.

 

 

 

L’operato della Fed mostra i funzionari perseguire una sorta di equilibrio tra la decisione di continuare la stretta monetaria in virtù di un tasso di disoccupazione a livelli più che soddisfacenti e l’indecisione determinata da un’inflazione che si conferma a livelli inaspettatamente bassi nel corso di questo 2017.

“L’inflazione, su una base di 12 mesi, dovrebbe rimanere a breve termine al di sotto del 2%, ma nel medio termine dovrebbe stabilizzarsi a ridosso del target previsto (2%)” (dichiarazione FOMC. N.D.R.: il Comitato, in precedenza, aveva descritto l’inflazione più vicina al suo obiettivo).

 

 

 

I dati rilasciati recentemente hanno mostrato un’inflazione core in fase di rallentamento all’1,7% nel mese di maggio: a seguito di questa rilevazione le possibilità di un ulteriore aumento dei tassi di interesse entro la fine del 2017 era scesa al 28% dal precedente 48%. 

 

Continua nella pagina successiva



Potrebbero interessarti anche...
Fed, Janet Yellen: nei prossimi tre anni si gioca al rialzo
Economia
La Redazione 19/01/2017 10:00:45
In questo momento il nostro piede preme sull’acceleratore - spiega Yellen ... leggi tutto
Federal Reserve: il rialzo è arrivato
Economia
La Redazione 15/03/2017 21:00:58
Il 15 marzo è - finalmente - arrivato e con lui ... leggi tutto
Fed, tassi invariati: il rallentamento nella crescita è puramente temporaneo
Economia
La Redazione 04/05/2017 05:00:15
Il solo elemento che balza agli occhi è l’insolita chiarezza dei ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Giancarlo Dall'Aglio, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli