Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per alcuni dei nostri servizi.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori Informazioni
Accetto Nego
Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading | spread trading


Gli investitori mantengono un posizionamento difensivo anche se si attenuano le incertezze geopolitiche



La Redazione Articolo pubblicato il 12/10/2017 12:00:42
Pubblichiamo un nuovo contributo di ETF Securities

 

·         Dopo un mese tumultuoso per l’oro, la recente debolezza dei prezzi ha stimolato afflussi pari a 148 milioni di USD nell’ultima settimana.
·         Le posizioni nei metalli industriali continuano a ridursi, segnando nella settimana deflussi per 45 milioni di USD.
·         Gli ETF azionari tematici sulla robotica e sulla sicurezza informatica hanno continuato a registrare afflussi costanti durante la settimana, rispettivamente pari a 25 e 3 milioni di USD.
·         Alla luce del recente vigore del prezzo del cacao, questa settimana gli investitori hanno operato prese di beneficio per 9 milioni di USD.

Dopo un mese tumultuoso per l’oro, la recente debolezza dei prezzi ha stimolato afflussi pari a 148 milioni di USD nell’ultima settimana, ai quali si aggiungono ulteriori 16 milioni di USD raccolti da altri metalli preziosi. Nel corso del mese, mentre proseguivano gli afflussi su altri metalli preziosi, l’oro in particolare ha subito un clima negativo, derivante a nostro avviso dalla sua rilevanza nel settore come bene rifugio. Di fronte all’assenza di nuovi indizi di turbolenza dal fronte geopolitico, si è raffreddato il prezzo del metallo giallo che molti investitori considerano una copertura dal rischio. Al contempo, il mercato continua a focalizzarsi su un rialzo dei tassi Fed a dicembre, dato per scontato con una probabilità dell’80%. Predictit.org rimarca inoltre come molto probabile che a sfidarsi per l’incarico di nuovo governatore della Fed saranno Kevin Warsh, attualmente favorito dai pronostici, e Jerome Powell. Il primo è considerato fautore di una politica monetaria più intransigente rispetto a Janet Yellen, mentre Jerome Powell condivide con l’attuale governatore una visione più conciliante. “Crediamo che la prospettiva di un rialzo dei tassi e di un governatore più aggressivo inciderà sui prezzi dell’oro nel corso dei prossimi mesi”, ha dichiarato Massimo Siano, Executive Director – Head of Southern Europe di ETF Securities. 

 

Le posizioni nei metalli industriali continuano a ridursi, segnando nella settimana deflussi per 45 milioni di USD che fanno salire a 174 milioni di USD i disinvestimenti nel mese. I prezzi dei metalli industriali hanno raggiunto livelli importanti quest’anno, arrivando a segnare rialzi medi del 22%. Anche questa settimana il mercato non ha deluso, con una performance del 3% grazie ai dati manifatturieri positivi negli Stati Uniti e ai ridotti volumi di scambi con la Cina per via della Settimana d’oro. I deflussi si sono concentrati soprattutto sul rame (34 milioni di USD nella settimana) e nell’ampio paniere dei metalli industriali. Il nickel, quest’anno fanalino di coda in termini di performance, ha registrato afflussi per 6 milioni di USD nella settimana. Continuiamo a prevedere una correzione per i metalli industriali poiché il rally in corso è minacciato dalle forti dinamiche positive attuali. Storicamente, i periodi caratterizzati da bruschi incrementi dei volumi in Cina sono stati seguiti da una correzione. Queste correzioni rappresentano solitamente un’occasione per liberarsi delle operazioni opportunistiche e permettono al mercato di puntare l’attenzione sui fondamentali. Dati i pesanti tagli alla spesa per investimenti degli ultimi anni, continuiamo a rilevare un aumento dei disavanzi. “Anche se la spesa per investimenti dovesse ripartire prossimamente, l’esplorazione e lo sviluppo delle miniere richiederebbero comunque tempi lunghi. Prevediamo un’offerta ancora limitata e un mercato verosimilmente in squilibrio nel breve periodo”, ha aggiunto Siano.

 

Gli ETF azionari tematici sulla robotica e sulla sicurezza informatica hanno continuato a registrare afflussi costanti durante la scorsa settimana, rispettivamente pari a 25 e 3 milioni di USD”, ha spiegato Siano. “Alla luce del recente vigore del prezzo del cacao, aumentato del 7,8% negli ultimi mesi, gli investitori hanno operato prese di beneficio per 9 milioni di USD durante questa settimana,” ha concluso Siano.

 



Potrebbero interessarti anche...
BTP Italia: come intervenire agli attuali livelli
Mercati
Riccardo Zarfati 27/02/2017 19:00:04
Assieme agli altri paesi di Eurozona, l’Italia beneficia naturalmente dello scudo ... leggi tutto
Petrolio: la debolezza dei prezzi? Manna dal cielo per gli investitori!
Mercati
La Redazione 06/04/2017 10:00:06
Pubblichiamo a seguire un nuovo contributo di ETF Securities leggi tutto
ETF: la debolezza di Petrolio e Società Aurifere attira gli investitori
Mercati
La Redazione 28/06/2017 12:00:19
Pubblichiamo a seguire un nuovo contributo di ETF Securities leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli