Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per alcuni dei nostri servizi.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori Informazioni
Accetto Nego
Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading | spread trading


Lira Turca e Geopolitica: un intreccio complesso
(Pag. 1)



Gianpiero Micheli Articolo pubblicato il 09/01/2017 10:00:24
Analizzando i tre grafici sul termine settimanale e con l’indicatore Momentum, un ottimo trend follower da accoppiare però ad un affidabile oscillatore, vediamo come il trend è sempre nettamente negativo per la lira turca e sembra non conoscere sosta

 

Negli ultimi tempi la Turchia è salita alla ribalta a causa dell’ondata terroristica che l’ha colpita dopo i cambiamenti strategici in termini di alleanze da parte del Premier Erdogan che si è unito a Russia ed Iran nella campagna militare siriana andando più incontro ad interessi politici rispetto alle ideologie interne e questo ha scatenato una serie di ritorsioni sul proprio suolo dopo l’appoggio inaspettato al governo siriano di Bashar Al Assad.

Inoltre sempre a livello politico la Turchia deve fare i conti anche con il PKK, il partito d’opposizione curda che mina da tempo l’integrità del paese che con il tentato colpo di Stato di qualche mese fa aveva messo in crisi il regime di Erdogan che a sua volta ha risposto con epurazioni pesanti ma in generale ha ridotto ancora di più il sistema di sicurezza turco che ora rischia di far acqua da tutte le parti.

 

 

 

I problemi economici sono poi notevoli e la conseguente svalutazione della lira turca per tutta questa serie di eventi rischia di produrre danni pesanti al paese soprattutto in chiave importazioni dove la Turchia è molto dipendente ad esempio nel settore energetico e questo è un rischio importante che Erdogan deve saper affrontare.

Non da ultimo lo stesso Premier si trova in conflitto perenne con la propria Banca Centrale e pretende un abbassamento dei tassi d’interesse dopo che a sorpresa nell’ultimo meeting vi era stato un aumento proprio per fronteggiare la caduta della lira.

In realtà la volontà del principale istituto turco è proprio quella di un altro rialzo visti i problemi legati all’economia ed agli sbocchi verso altri mercati, non ultimo quello inglese con l’indebolimento del cambio fra sterlina e dollaro che ha reso meno convenienti le esportazioni verso la Gran Bretagna.

E proprio questi fattori stanno mettendo la geopolitica come market mover in questo 2017 ed abbiamo trovato interessante porre la lira turca che sotto questo lato è molto bersagliata contro il dollaro americano appunto che invece gode di ottima salute con l’arrivo di Trump ed anche nei confronti dell’euro che vivrà invece elezioni politiche importanti in Germania, Francia, Olanda e forse Italia oltre che della sterlina britannica per le imminenti decisioni relative all’applicazione di una hard o soft Brexit.

 

A seguire - Analisi Grafica



Potrebbero interessarti anche...
Natural Gas, violata la resistenza: si corre verso i 3 dollari
Analisi grafica
Alessandro Cocco 26/08/2016 10:00:53
  Ti potrebbe interessare anche   Gas Naturale: la lunga estate caldissima Shale Gas USA: ... leggi tutto
Rough Rice: Moretti dice Sell!
Analisi grafica
Alessandro Moretti 12/09/2016 13:00:54
Ancora un prodotto forse poco noto, ma in grado di regalarci ... leggi tutto
Petrolio al bivio: i possibili scenari
Analisi grafica
La Redazione 31/10/2016 07:00:15
All’interno della variegata gamma di commodities, il petrolio è la materia ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Giancarlo Dall'Aglio, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli