Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per alcuni dei nostri servizi.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori Informazioni
Accetto Nego
Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading | spread trading


Natural Gas fra abbondanza di scorte e crisi in Qatar
(Pag. 1)



Armando Madeo Articolo pubblicato il 19/06/2017 05:00:06
La crisi in Qatar non è stata sufficiente a risollevare i prezzi del Gas Naturale, questo nonostante il Qatar possegga riserve di NGL pari a due volte quelle degli Stati Uniti, con una superficie in kilometri quadrati che è circa 850 volte minore rispetto agli States

 

La crisi in Qatar non è stata sufficiente a risollevare i prezzi del Gas Naturale, questo nonostante il Qatar possegga riserve di NGL pari a due volte quelle degli Stati Uniti, con una superficie in kilometri quadrati che è circa 850 volte minore rispetto agli States (fonte BP, dati 2015). Sul giornale canadese “The Globe and mail” è apparso un articolo a cura di Patricia DeGennaro, professoressa della NY University, secondo cui la questione dell’isolamento del Qatar sembrerebbe riguardare una mera questione di esportazioni di Natural Gas Liquefatto, che non ha nulla a che fare dunque con il terrorismo. La professoressa si spinge oltre parlando poi della guerra in Siria e dell’importanza cruciale di questo paese nel passaggio di gasdotti verso il Mediterraneo.

È inoltre strano, per non dire sospetto, che tutto questo sia accaduto dopo l’incontro fra gli Emiri ed il Presidente degli USA Donald Trump, e che inoltre, dopo l’isolamento del Qatar, la Casa Bianca abbia annunciato l’inizio di esportazioni di NGL verso Olanda e Polonia, aprendo così ad una alternativa al gas Russo e provocando al contempo degli squilibri nel vecchio continente che potrebbero portare a ripercussioni non di basso rilievo in futuro. “La mossa Saudita di isolare il Qatar” continua la DeGennaro “potrebbe però avere un impatto sfavorevole in Medio Oriente; nessuno dei paesi però vuole destabilizzare una situazione che però è già di suo instabile”. Tutto questo è ancora più assurdo se si legge poche righe più in basso…”Ci sono prove a sostegno del fatto che gli US abbiano firmato per una fornitura in Qatar di jet da combattimento, un affare da 12 miliardi di dollari, questo nonostante gli States abbiano appoggiato i Sauditi nella loro condanna al Qatar”.

Quanto detto lascia intendere che la questione geopolitica in Medio Oriente è incerta, ed in tutto questo non è da meno la questione prezzi e scorte. In un intervista alla CNBC, Harold Hamm, CEO della Continental Resources, azienda energetica americana, ha riferito che il Natural Gas Americano si prepara ad avere un impatto di rilevanza mondiale; il CEO ha detto che la loro view sul NG è rialzista, prevedendo che i prezzi a fine anno saranno sopra i 3,50 dollari. Hamm ha inoltre detto che l’attuale normativa statunitense sui permessi e la burocrazia stanno frenando molto la produzione e dunque l’esportazione, rispetto alla facilità con cui si aprono nuovi impianti di petrolio.

 

A seguire - Scorte USA e COT Report



Potrebbero interessarti anche...
Cacao e Natural Gas: cosa ci aspetta secondo Giancarlo Dall'Aglio
Materie Prime
  VIDEO
La Redazione 05/03/2017 10:00:58
Cacao e Natural Gas: in questa intervista un sempre brillante Giancarlo ... leggi tutto
Natural Gas: il rischio di scendere a 2 Dollari? Si chiama Messico!
Materie Prime
La Redazione 01/02/2017 06:00:25
I traders interessati al Natural Gas dovranno fare molta attenzione alle ... leggi tutto
Natural Gas: il nucleare sosterrà i prezzi
Materie Prime
La Redazione 03/03/2017 10:00:09
Nel corso di questa primavera il numero di reattori nucleari USA ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli