Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per alcuni dei nostri servizi.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori Informazioni
Accetto Nego
Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading | spread trading


Palladio: un 2017 da protagonista
(Pag. 1)



Gianpiero Micheli Articolo pubblicato il 27/02/2017 10:00:48
Con le politiche monetarie restrittive della Federal Reserve, previste nel corso del 2017 per poter supportare quelle monetarie di Trump, il dollaro dovrebbe ricominciare la sua corsa al rialzo e questo sicuramente peserà sulle quotazioni dell’oro e dei metalli preziosi in genere.

 

Il palladio è un metallo raro che fa parte del gruppo del platino, a cui somiglia a livello chimico,, di colore bianco-argenteo e viene estratto da alcuni minerali come il rame ed il nichel.

Viene utilizzato principalmente nel settore industriale e nella gioielleria e fa parte della categoria dei metalli preziosi, insieme ad oro, argento e platino.

Solitamente l’andamento dei prezzi di queste materie prime è abbastanza simile, ma la differenza sta principalmente nelle performances relative, dove anche in tempi abbastanza recenti, il palladio ha fornito rendimenti più consistenti rispetto agli altri assets che stiamo prendendo in considerazione.

Questo avviene perchè a differenza ad esempio dell’oro, il palladio è meno sensibile alle oscillazioni del dollaro americano essendo il suo utilizzo più a livello industriale che nella sola categoria dei preziosi.

Con l’avvento di Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti, il mercato del forex sta attraversando un periodo di forte incertezza ed è ricominciata una sorta di tacita guerra delle valute, nel tentativo di svalutare le rispettive monete nazionali in modo da favorire l’export e l’economia interna di ogni stato.

Con le politiche monetarie restrittive della Federal Reserve, previste nel corso del 2017 per poter supportare quelle monetarie di Trump, il dollaro dovrebbe ricominciare la sua corsa al rialzo e questo sicuramente peserà sulle quotazioni dell’oro e dei metalli preziosi in genere.

Il meno penalizzato sarà sicuramente il palladio, soprattutto dopo i recenti dati del settore automotive, visti in netta crescita.

Sia Cina che Stati Uniti hanno fornito buon statistiche relative ai rispettivi livelli industriali ed anche le vendite di automobili, soprattutto di General Motors, uno dei principali leader del settore, hanno beneficiato di ottimi incrementi sul mercato delle vendite.

Il palladio a livello automobilistico è impiegato nelle marmitte catalitiche ma è importante anche per il settore delle telecomunicazioni, nell’odontoiatria, in orologeria, nel settore elettrico, in fotografia ed anche come catalizzatore.

 

A seguire - Analisi Grafica



Potrebbero interessarti anche...
Palladio si cerca il Long: il ciclo ad otto anni è appena iniziato!
Analisi grafica
Enrico Gei 11/03/2017 16:00:14
Partendo dall'analisi ciclica studiamo un grafico lineare di lungo periodo: possiamo ... leggi tutto
Palladio, De Novellis: inversione di rotta? Non credo!
Analisi grafica
Marco De Novellis 25/09/2017 10:00:12
La cosa impressionante che caratterizza il grafico dei prezzi del Palladio ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli