Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per alcuni dei nostri servizi.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori Informazioni
Accetto Nego
Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading | spread trading


Petrolio, BP di nuovo nell’occhio del ciclone
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 21/04/2017 11:35:56
Ancora guai per British Petroleum, che ancora una volta finisce nel mirino di ambientalisti ed autorità di controllo a seguito di alcune perdite localizzate in un pozzo nell’Artico.

 

Ancora guai per British Petroleum, che ancora una volta finisce nel mirino di ambientalisti ed autorità di controllo a seguito di alcune perdite localizzate in un pozzo nell’Artico.

La prima perdita di greggio è stata scoperta nella giornata di venerdì e le squadre di pronto intervento della ditta hanno provveduto a contenere la fuoriuscita di prodotto nella giornata di domenica, ma non è tutto perchè, sempre nella giornata di domenica è stata identificata una seconda fuoriuscita (questa volta di Gas): a questo punto la società non ha avuto scelta ed il pozzo, che attualmente produceva 500 barili giornalieri di greggio, è stato fermato.

Il problema si è verificato nella zona di Prudhoe Bay, North Slope (Alaska), un’area che ha visto rinnovarsi l’interesse dei  produttori che hanno condotto la produzione dell’area ad un totale di 565000 barili giornalieri nel mese di marzo, livello più elevato da dicembre 2013: l’output appena descritto è sicuramente degno di nota, ma siamo ancora molto al di sotto dei fasti di un tempo quando, negli anni ’80, ogni giorno venivano alla luce oltre 2 milioni di barili di prodotto.

 

 

 

La situazione non è certo delle migliori e l’incidente è stato definito di entità significativa ed il pensiero non può che tornare al 2010, quando BP divenne protagonista del disastro provocato dalla Deepwater Horizon nel Golfo del Messico.

 

Continua nella pagina successiva



Potrebbero interessarti anche...
Petrolio, Traders: non fatevi ingannare!
Materie Prime
La Redazione 26/05/2017 07:00:02
Una interessante analisi sulla situazione del greggio a cura di Jason ... leggi tutto
Petrolio, OPEC: è il momento della verità
Materie Prime
La Redazione 11/03/2017 10:00:59
Il Gruppo dei Paesi Esportatori ha dato il via ad un’azione ... leggi tutto
Petrolio: con lui sarete al sicuro!
Materie Prime
La Redazione 01/01/2017 09:38:29
Donald Trump è stato eletto a presidente degli Stati Uniti ed ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Giancarlo Dall'Aglio, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli