Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per alcuni dei nostri servizi.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori Informazioni
Accetto Nego
Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading | spread trading


Zucchero, UE: i prezzi devono cadere



La Redazione Articolo pubblicato il 11/10/2017 21:00:18
Le esportazioni di Zucchero dell’Unione Europea saliranno oltre le attese nel corso della stagione attuale e la realizzazione di questo contesto commerciale sarà imputabile all’abolizione delle quote produttive, ma...

 

Le esportazioni di Zucchero dell’Unione Europea saliranno oltre le attese nel corso della stagione attuale e la realizzazione di questo contesto commerciale sarà imputabile all’abolizione delle quote produttive, ma il tutto sarà vincolato ad una caduta dei prezzi del prodotto.

I funzionari europei dell’USDA (il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti) hanno rivisto a rialzo le proiezioni sull’export UE di Zucchero sollevandole a 2,5 milioni di tonnellate, volume superiore di 300000 tonnellate alle stime ufficiali, ma che si colloca al di sotto di quanto previsto da più di un operatore di settore (la ISO, International Sugar Organization, ha fornito una stima di 2,88 milioni di tonnellate).

Come detto in apertura l’upgrade riservato alle esportazioni è diretta conseguenza dell’abolizione delle quote produttive, con i funzionari USDA operativi nel blocco che prevedono un output di 20,1 milioni di tonnellate (+3,6 milioni di tonnellate su base annua ed 1,5 milioni di tonnellate al di sopra delle stime ufficiali USDA).

Ora è necessario fare un ragionamento: proiezioni di tale entità implicano un’Europa al quarto posto nella classifica mondiale degli esportatori, dietro a Brasile, Thailandia ed Australia, ma affinchè queste previsioni divengano realtà, è necessario che i prezzi dello Zucchero del blocco siano competitivi sulla piazza internazionale e perchè questo accada abbiamo una sola ed unica strada da percorrere, ovvero: i prezzi devono tassativamente diminuire.

Le quotazioni dello Zucchero UE si sono mostrate estremamente resilienti e ben poco hanno influito le proiezioni sulla produzione: i dati più recenti (luglio 2017) mostrano una quotazione di 501 EUR/ton con un premio di circa il 50% rispetto alla piazza di Londra (Zucchero Bianco).

Se l’Europa vorrà soddisfare le sue ambizioni in termini di export le quotazioni dovranno quindi cedere terreno, ma di quanto? Credit Suisse ipotizza che già a 450 EUR/ton possano essere stipulati contratti di fornitura; sempre Credit Suisse sottolinea che i prezzi elevati sono diretta conseguenza di scorte esigue.

I tecnici USDA confidano in un calo delle quotazioni, in quanto senza un prezzo garantito per la barbabietola da Zucchero in grado di porre un vero e proprio “floor” al costo di produzione, si può facilmente intuire che il prodotto UE seguirà l’andamento dei prezzi della piazza internazionale.

 

Fonte Agrimoney


Potrebbero interessarti anche...
Mais e Zucchero saranno i protagonisti dei mercati, ma non il Frumento
Materie Prime
La Redazione 11/08/2017 16:00:28
Gli analisti prevedono ulteriori guadagni per mais, cotone e zucchero, ma ... leggi tutto
Commodities Agricole, via libera a Soia e Zucchero, ma attenzione al Frumento
Materie Prime
La Redazione 15/06/2017 16:00:08
I commentatori di mercato hanno rivisto a rialzo le attese di ... leggi tutto
Zucchero e Caffè: tra pessimismo e possibili rialzi
Materie Prime
La Redazione 01/05/2017 15:00:45
A determinare queste proiezioni sono i prezzi dell’Etanolo che finchè si ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli