Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per alcuni dei nostri servizi.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori Informazioni
Accetto Nego
Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading | spread trading


Zucchero: l’India rimane un importatore netto
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 20/04/2017 15:00:23
Il consumo di Zucchero dell’India si conferma superiore alla produzione, ragion per cui la nazione si confermerà un importatore netto di prodotto nel corso della prossima stagione e questo anche a fronte di un recupero nella produzione locale.

 

Il consumo di Zucchero dell’India si conferma superiore alla produzione, ragion per cui la nazione si confermerà un importatore netto di prodotto nel corso della prossima stagione e questo anche a fronte di un recupero nella produzione locale.

La filiale di New Delhi del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti prevede un output 2017 - 2018 pari a 25,8 milioni di tonnellate, in crescita del 18% rispetto alla stagione precedente. ma un consumo stimato a 26 milioni di tonnellate unito alla necessità impellente di ricostruire le scorte nazionali impedirà il palesarsi di esportazioni ed indurrà un import esentasse apri a 500000 tonnellate.

 

 

 

Per quanto concerne le aree dedicate alla produzione di Zucchero i tecnici USDA prevedono un aumento della produzione in Uttar Pradesh e Maharashtra mentre, al contrario, l’output subirà una contrazione in Karnataka, Tamil Nadu, Andhra Pradesh e Telangana a seguito dell’indugiare degli effetti collaterali indotti dalla siccità della passata stagione.

 

Acreage

 

Partendo dal presupposto di assistere ad un monsone regolare l’USDA stima un acreage di Canna da Zucchero in crescita di 200000 ettari ad un totale di 4,7 milioni di ettari: le semine troveranno supporto anche da un’adeguata presenza di acqua nelle cisterne e da un minor indebitamento dei coltivatori locali.

In riferimento alle rese, le stime USDA prevedono un incremento di circa 6 tonnellate per ettaro a 64 tonnellate, condizione che si tradurrà in un aumento della produzione di Canna del 15% a 330 milioni di tonnellate.

 

A seguire - Consumi e produzione



Potrebbero interessarti anche...
Zucchero e Caffè: tra pessimismo e possibili rialzi
Materie Prime
La Redazione 01/05/2017 15:00:45
A determinare queste proiezioni sono i prezzi dell’Etanolo che finchè si ... leggi tutto
Zucchero: cosa ci attende nel 2017
Materie Prime
Gabriele Picello 02/01/2017 17:00:49
Quali sono le prospettive per questo prodotto nel 2017? Leggiamolo nelle ... leggi tutto
Zucchero, Cepea: il deficit sosterrà i prezzi
Materie Prime
Gabriele Picello 10/01/2017 13:00:40
Secondo il più recente report di Cepea i prezzi dello zucchero ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Giancarlo Dall'Aglio, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli