Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per alcuni dei nostri servizi.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori Informazioni
Accetto Nego
Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading | spread trading


Caffè: peggiora la situazione in Africa
(Pag. 1)



Gabriele Picello Articolo pubblicato il 10/01/2017 10:00:33
La situazione meteorologica dell’Africa non può certo dirsi propizia alla coltivazione del Caffè, con la seconda stagione delle piogge, in Kenya, che si presenta in notevole ritardo rallentando la fioritura e lasciando campo libero alla successiva siccità nel deteriorare i raccolti.

 

La situazione meteorologica dell’Africa non può certo dirsi propizia alla coltivazione del Caffè, con la seconda stagione delle piogge, in Kenya, che si presenta in notevole ritardo rallentando la fioritura e  lasciando campo libero alla successiva siccità nel deteriorare i raccolti.

Le ripercussioni di un clima di questo tipo si mostrano “a tutto tondo” ed un altro settore che potrebbe risentirne è quello del tè nero, di cui il Kenya è il maggiore esportatore a livello globale: a questo proposito, gli enti preposti hanno già dichiarato che potrebbero non raggiungere il target a 500 milioni di Kg (+25%) fissato in precedenza a causa di un possibile persistere della siccità che avuto inizio nel corso del 2016.

Tornando al Caffè, si nota da subito come il Kenya non abbia una produzione elevata come quella, ad esempio, di Etiopia ed Uganda, ma la qualità del prodotto risulta molto apprezzata a livello mondiale ed i chicchi sono spesso utilizzati per mettere a punto le miscele.

Le esportazioni di Caffè, a settembre 2016, si presentano in aumento del 15% a 44000 tonnellate.

L’agricoltura del Kenya è per la maggior parte pluviale e pesa per circa un quarto dell’economia della nazione. Il settore agricolo, a seguito del calo produttivo che ha attinto tè e Caffè, presenta una crescita del 3.9% nel terzo trimestre 2016 contro il 5.5% dell’anno passato.

 

 

 

Complessivamente il PIL della nazione nostra un tasso di crescita pari al 5.7% contro il 6% dell’anno passato.

 

 

A seguire - Una pessima situazione 



Potrebbero interessarti anche...
NZD JPY: se tocca la neckline è short
Materie Prime
Enrico Gei 31/07/2015 11:00:27
Il punto di ingresso è preciso, il trader è in agguato ... leggi tutto
CAD JPY: in corsa verso il supporto
Materie Prime
Enrico Gei 28/07/2015 11:00:56
Enrico Gei cerca lo short, ma si attende il break del ... leggi tutto
CAD JPY: resistenza perforata a rialzo
Materie Prime
Enrico Gei 09/06/2015 11:00:37
E’ la volta del dollaro canadese contrapposto allo yen: abbastanza chiara ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Giancarlo Dall'Aglio, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli