Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per alcuni dei nostri servizi.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori Informazioni
Accetto Nego
Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading | spread trading


Commodity Report del 2 gennaio 2017



Giancarlo Dall'Aglio Articolo pubblicato il 02/01/2017 09:07:00
Edizione Flash

Quante cose sono cambiate rispetto ad anno fa? Se consideriamo i fondamentali dell’economia non vi sono mutamenti particolari da segnalare anche se in Europa vi è un anno di quantitative easing in più e negli Usa tassi più alti di un quarto di punto. Obama è ormai alla fine del suo mandato e i mercati sembrano ottimisti mentre aspettano l’insediamento del nuovo presidente degli Stati Uniti. Il mercato azionario è sui massimi e, salvo le inevitabili correzioni dovute a prese di profitto e stagionalità, sembrano esservi i presupposti per un ulteriore allungo durante il nuovo anno. 

Sul comparto delle materie prime le valutazioni rispetto allo scorso gennaio sembrano essere completamente ribaltate. Lo scorso gennaio un gran numero di analisti decretava la fine di ogni fase di rialzo delle commodities, e sconsigliava ogni tipo di investimento nel settore. Era il periodo in cui il petrolio toccava i minimi di periodo poco sotto i 30 Usd/bar. e anche le borse cedevano terreno, spinte al ribasso dalla crisi del mercato cinese. A fine anno abbiamo registrato un rialzo di circa il 10% dell’indice generale delle materie prime (CRB index). La sorpresa è stata proprio il petrolio, salito di circa il 50% (brent in testa), seguito da zucchero (+26%), gasolio (+24%) e rame (+16%). 

Oggi, gli stessi che celebravano il funerale delle materie prime, danno target stellari per il prezzo del petrolio e continuano a restare pessimisti sull’oro. Personalmente, come sapete, preferisco tenere un approccio pragmatico basato sui fondamentali, dal momento che le commodites restano pur sempre l’ultimo ed unico comparto i cui prezzi, nel medio periodo, sono mossi realmente dalla domanda e dall’offerta.  

Oggi giornata festiva in Usa, le borse festeggiano il capodanno dal momento che il primo gennaio era domenica. Dalla prossima settimana riprenderemo le analisi che caratterizzano il Commodity Report approfittando anche del ritorno della liquidità che tornerà gradualmente sui mercati a partire dai prossimi giorni. 

 

Disclaimer: le operazioni di trading indicate in questo newsletter sono frutto di opinioni personali dell’autore e non costituiscono alcuna sollecitazione all’investimento. La speculazione di borsa può causare perdite e deve essere effettuata essendo consapevoli dei rischi che comporta. Nessuna responsabilità potrà essere addossata all’autore per eventuali perdite di portafoglio. Le performance del passato non costituiscono garanzia per l’andamento futuro degli investimenti indicati.  



Potrebbero interessarti anche...
Commodity Report del 01 Giugno 2015
Commodity Report
Giancarlo Dall'Aglio 01/06/2015 16:21:23
Novità: parte un nuovo servizio a valore aggiunto su commoditiesTrading fimato ... leggi tutto
Commodity Report del 25 Gennaio 2016
Commodity Report
Giancarlo Dall'Aglio 25/01/2016 08:36:59
Il focus del mercato è ciò su cui gli operatori si ... leggi tutto
Commodity Report del 4 Aprile  2016
Commodity Report
Giancarlo Dall'Aglio 04/04/2016 08:20:37
Dopo un trimestre ad alta volatilità, i mercati globali potrebbero aver ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Giancarlo Dall'Aglio, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli