Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per alcuni dei nostri servizi.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori Informazioni
Accetto Nego
Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading | spread trading


Natural Gas: come il Meteo ti manda in Loss
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 10/01/2017 06:00:17
Gli Stati Uniti potrebbero essere attinti da condizioni climatiche particolarmente inclini a variazioni repentine? La risposta parrebbe essere un secco SI ed i traders che trattano il Natural Gas sono sicuramente in grado di confermare quanto appena detto...

 

Gli Stati Uniti potrebbero essere attinti da condizioni climatiche particolarmente inclini a variazioni repentine? La risposta parrebbe essere un secco SI ed i traders che trattano il Natural Gas sono sicuramente in grado di confermare quanto appena detto, con le prospettive di un clima eccessivamente freddo che hanno indotto un rialzo delle quotazioni ai livelli più elevati degli ultimi due anni solamente per poi vedere svanire questa performance nell’esatto momento in cui le previsioni meteo sono state letteralmente “ribaltate”.

A seguire la variazione dei modelli climatici relativi alle temperature elaborati dal NOAA.

 

 

 

 

Dall’autunno passato si è fato un gran parlare della totale assenza di un modello climatico dominante con le previsioni stagionali dello U.S. Climate Prediction Center relative al periodo che va da dicembre a gennaio che ci parlano di un clima mite con temperature superiori alla media nel Sud, di un po’di freddo nelle pianure del Nord e di pari possibilità per un inverno nella media, mite o freddo nella rimanente parte degli States… Che confusione!

Nel corso dell’anno passato, El Nino ha messo tutti d’accordo su quanto sarebbe potuto accadere nell’inverno 2015 - 2016, ma quest’anno nessuno pare capire come si stia evolvendo la situazione nell’Oceano Pacifico: gli USA sostengono che La Nina è in corso, ma dall’Australia negano il tutto e dichiarano che il Pacifico è in una condizione sostanzialmente neutra.

 

Nessun segnale chiaro

 

El Nino e La Nina dominano le condizioni climatiche a livello globale, per cui la mancanza di un segnale vero e proprio lascia intendere che l’inverno sarà decisamente volatile.

Un esempio di questa volatilità lo troviamo nelle temperature, che saranno oggetto di oscillazioni repentine e violente, pensiamo a Denver: qui si passerà da -20 gradi celsius nella giornata di venerdì per salire a 13 gradi nella giornata di lunedì…

La situazione non è migliore in nessuno dei grand centri: partendo da St Louis per arrivare a Dallas, le temperature costanti non saranno una realtà!

 

A seguire - Nuovi Modelli

 



Potrebbero interessarti anche...
Gas Naturale: elevato potenziale ribassista.
Editoriale
Gabriele Picello 20/02/2017 06:00:12
La dinamica di prezzo stagionale potrebbe essere decisamente buona per le ... leggi tutto

Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Giancarlo Dall'Aglio, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli