Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per alcuni dei nostri servizi.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori Informazioni
Accetto Nego
Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading | spread trading


Petrolio: il Ghana nel mirino di Exxon



La Redazione Articolo pubblicato il 15/11/2017 16:00:42
Il Ghana ha ufficialmente dato il via ai colloqui con Exxon al fine di consentire alla società di iniziare le procedure di esplorazione in acque profonde al largo delle coste della nazione

 

Il Ghana ha ufficialmente dato il via ai colloqui con Exxon al fine di consentire alla società di iniziare le procedure di esplorazione in acque profonde al largo delle coste della nazione.

“I negoziati sono in corso e rispettano le leggi in vigore: sino ad ora le cose proseguono per il verso giusto” (Mohamed Amin Adam, ministero dell’energia).

Mohamed Amin Adam ha chiarito ai mercati che la scelta è stata quella di chiamare in causa direttamente Exxon in quanto, in assenza di leggi dedicate e vista la peculiarità del settore, non è stato possibile indire una apposita gara d’appalto.

La legge che regola le gare d’appalto in Ghana non è ancora stata approvata e, nella bozza attuale, prevede effettivamente che gli appalti siano assegnati tramite apposita gara, ma al contempo riconosce che in casi eccezionali sia consentita la trattativa diretta con le società interessate.

Exxon ha firmato un accordo con il Ghana nel 2015 al fine di avere accesso alla valutazione delle condizioni della regione di Cape Three Point (l’area in oggetto si trova a 150 chilometri dalla costa e la profondità delle acque in loco varia tra 2000 e 4000 metri).

Secondo le dichiarazioni in arrivo dal governo del Ghana altre due imprese interpellate hanno rinunciato ad esplorare l’area a seguito dell’eccessiva profondità e che Exxon è stata tenuta in grande considerazione a seguito della ben nota esperienza nel settore.

“L’esplorazione ultra - profonda è effettivamente al di la della tecnologia attuale e noi crediamo che operatori dalla comprovata capacità ed esperienza come Exxon siano fondamentali per sbloccare il potenziale di questo settore” (Mohamed Amin Adam).

L’interesse mostrato da Exxon verso Cape Three Point non è certo una novità per il mercato petrolifero, in quanto già in passato la società si è detta interessata ad esplorare le acque profonde del Ghana.

Il Ghana (produttore di rilievo anche per quanto concerne Cacao ed Oro) punta ad aumentare la produzione di Petrolio a 250000 barili giornalieri entro il 2019; oggetto dell’incremento produttivo sarebbero i quattro fields attualmente operativi (compreso quello di Jubilee) della capacità complessiva di circa 100000 barili giornalieri.

 

Fonte Reuters


Potrebbero interessarti anche...
Petrolio, Traders: non fatevi ingannare!
Materie Prime
La Redazione 26/05/2017 07:00:02
Una interessante analisi sulla situazione del greggio a cura di Jason ... leggi tutto
Petrolio: ad 83,5 dollari il prezzo è giusto!
Materie Prime
La Redazione 04/08/2017 12:00:50
LA redazione di Commodities Trading propone una interessante analisi condotta da ... leggi tutto
Petrolio, OPEC: è il momento della verità
Materie Prime
La Redazione 11/03/2017 10:00:59
Il Gruppo dei Paesi Esportatori ha dato il via ad un’azione ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli