Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per alcuni dei nostri servizi.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori Informazioni
Accetto Nego
Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading | spread trading


Soia e Cotone, USDA: semine USA in crescita
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 24/02/2017 10:00:32
I prezzi deboli dei cereali potrebbero giocare un brutto tiro a quegli analisti che si attendevano livelli contenuti delle semine di Cotone e Soia: le analisi dell’USDA evidenziano impianti elevati

 

I prezzi deboli dei cereali potrebbero giocare un brutto tiro a quegli analisti che si attendevano livelli contenuti delle semine di Cotone e Soia: le analisi dell’USDA evidenziano impianti elevati per i due prodotti succitati, mentre potremo assistere ad un calo di 3,6 milioni di acri nell’area dedicata alla coltivazione di Frumento.

Nel suo primo report relativo alle semine 2017 - 2018, l’USDA (ovvero il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti) prevede un incremento delle semine di Soia pari a 4,6 milioni di acri per un totale di 88 milioni di acri.

A determinare questo aumento che va oltre gli 87,58 milioni di acri attesi dal mercato, è il prezzo sotto tono dei cereali in genere, che spinge i coltivatori a dedicarsi a coltivazioni maggiormente redditizie come, ad esempio, la Soia; nella sua disamina, l’USDA sottolinea inoltre come il Soybeans to Corn Ratio (contratti novembre e dicembre) si sia attestato in media a 2,6: per meglio comprendere la reale situazione possiamo pensare al fatto che l’ultima volta in cui il Ratio in oggetto si attestò a questi livelli in questo periodo dell’anno fu nell’ormai lontano 1997.

Previste in calo, al contrario, le semine di Mais, con una contrazione di 4 milioni di acri ad un totale di 90 milioni di acri: il calo risulta maggiore rispetto a quelle che erano le attese di mercato (circa 91 milioni di acri).

Il Mais, in ogni caso, non costituisce un’eccezione, in quanto l’intera gamma dei prodotti cosiddetti “da foraggio” si vedrà attinta da una contrazione dell’acreage, compresi Riso e Sorgo.  Non si salva nemmeno il Frumento, con la superficie complessiva stimata in 46 milioni di acri, valore che corrisponde ad un calo di 4,2 milioni di acri.

 

A seguire - Cotone: superate le attese di mercato

 



Potrebbero interessarti anche...
Commodities Agricole, via libera a Soia e Zucchero, ma attenzione al Frumento
Materie Prime
La Redazione 15/06/2017 16:00:08
I commentatori di mercato hanno rivisto a rialzo le attese di ... leggi tutto
WASDE Report: corre il Frumento, deboli Mais e Soia
Materie Prime
Gabriele Picello 10/02/2017 06:00:47
Nella sessione di ieri il Dipartimento dell’Agricoltura statunitense (USDA) ha diffuso ... leggi tutto
Soia e Soft Commodities: come si evolveranno i prezzi
Materie Prime
La Redazione 11/08/2017 20:00:09
Nell’articolo di ieri dedicato a Mais, Zucchero e Frumento abbiamo analizzato ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli