Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per alcuni dei nostri servizi.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori Informazioni
Accetto Nego
Benvenuti su Commodities Trading
Vai alla tua area riservata   Accedi | Hai dimenticato la password?
Il primo portale italiano per il trading sulle materie prime

segnali operativi | opzioni su materie prime | corsi di trading | spread trading


Speciale Clima: il Generale Inverno sta arrivando. Preparatevi!
(Pag. 1)



La Redazione Articolo pubblicato il 03/01/2017 13:00:07
Un freddo particolarmente intenso sta per colpire Nord America, Europa ed Asia a seguito di temperature elevate nell’Artico!

 

Un freddo particolarmente intenso sta per colpire Nord America, Europa ed Asia a seguito di temperature elevate nell’Artico!
Non si tratta di un refuso, è tutto esatto. Secondo Matt Rogers (Commodity Meteo Group) dobbiamo pensare alla situazione attuale come ad una sorte di altalena: se a nord dell’Alaska abbiamo temperature elevate, avremo una forza uguale ed opposta in direzione contraria; per essere più chiari, se il freddo non riesce a sfogarsi in quell’area dovrà farlo da qualche altra parte…

Sintetizzando, la teoria vuole che un calore anomalo nella regione polare settentrionale genera un indebolimento del vortice polare, ossia la zona di pressione che normalmente intrappola il freddo nella parte più a nord della Terra; in sostanza, in assenza di temperature estremamente gelide nell’area succitata, avremo una condizione di freddo intenso nei continenti.

Un esempio di quanto scritto è rappresentato dalle rilevazioni relative alla metropoli di Chicago: lunedì è previsto un range di temperatura compreso tra 0.5 e 6 gradi Celsius, mentre giovedì la situazione volgerà al freddo intenso, con un range compreso tra -15 e -7 gradi Celsius.

Il clima è in evoluzione e, negli ultimi tre anni, il cambiamento climatico e fenomeni come El Nino si sono tradotti in un riscaldamento del globo a livelli da vero e proprio record.  La calotta di ghiaccio si è ridotta ai livelli più esigui dal 2007, con la sua crescita nel periodo invernale che si presenta come la più lenta che la storia ricordi.

 

 

Il ghiaccio dei mari mantiene fredda l’aria al di sopra di essi e, secondo il National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), nel mese di novembre si è raggiunto un minimo storico che ha avuto come diretta conseguenza una vasta area dell’artico con temperature al di sopra della media.

Con meno ghiaccio che ne ricopre la superficie, una maggiore area dell’Oceano Artico è stata esposta al sole durante il periodo estivo.

Tra le aree maggiormente colpite dal freddo intenso troviamo Stati Uniti e Canada mentre, dall’altra parte del globo, sarà la Russia a dover affrontare il Generale Inverno; significativi crolli delle temperature sono previsti anche in Europa orientale ed Asia orientale.

 

Continua nella pagina successiva

 



Potrebbero interessarti anche...
Speciale Petrolio: la storia segreta del più grande trade di Wall Street
Editoriale
La Redazione 21/10/2017 03:00:09
È il più grande affare dell'anno: o ti sistema, o ti ... leggi tutto
Speciale Meteo: arrivano gli uragani
Editoriale
La Redazione 27/07/2017 20:00:16
Il cuore della stagione degli uragani è ormai alle porte e ... leggi tutto
Abbonamenti
per i segnali operativi
Commodity Trading
Il servizio “Commodity trading” di Aldo Ierna, consiste in segnali operativi emessi principalmente su Materie Prime e basati su due metodologie ... leggi tutto

Commodity Report
Commodity Report è un servizio a cadenza settimanale basato sull’analisi indipendente dei principali mercati finanziari. Giancarlo Dall’Aglio pone l’attenzione sul focus ... leggi tutto

Questo sito non costituisce un’offerta o un impegno o un consiglio od una raccomandazione per l’acquisto di valori mobiliari. Le informazioni contenute in questo sito sono puramente indicative. In nessun caso COMMODITIES TRADING è responsabile dei danni che possono derivare dall’uso delle informazioni contenute in questo sito.

Le performance passate hanno molte limitazioni. Nessuna informazione nel sito vuol fare intendere che in futuro si potranno ottenere gli stessi profitti o perdite potenziali. Risultati completamente differenti da quelli presentati possono derivare ad esempio da modifiche strutturali del mercato, movimenti puntuali esplosivi e incontrollati del mercato, errori di sovradattamento del sistema ai dati. Le performance passate non sono indicazione né garanzia di performance future.

Il trading nei Futures è un’attività di investimento ad alto rischio per la quale è possibile perdere anche più del capitale depositato sul conto di trading. Entrando in questo sito si conferma di essere consapevoli dei rischi associati all’investimento in Futures.

La legge di riferimento per le informazioni contenute in questo sito è quella italiana. Eventuali persone che intendono utilizzare i nostri software dovranno verificare in autonomia e sotto la propria responsabilità le norme locali.
Tutti i diritti sono riservati © COMMODITIESTRADING ( è una divisione di Trading Media Group Srl ) - Sito web realizzato da NapoliWeb S.r.l. | Web Agency Napoli